PUBBLICITA

Studio: dormire 7-8 ore a notte riduce le assenze sul lavoro

HELSINKI - Dormire 7-8 ore a notte fa bene anche alla salute degli uffici, infatti riduce il numero di giorni di malattia tolti al lavoro. L'impatto è tale che eliminando i problemi di insonnia, disturbi del sonno o apnea notturna, si potrebbero ridurre ben del 28% i costi totali legati alle assenze sul lavoro. Lo rivela uno studio di Tea Lallukka dell'istituto finlandese di Salute occupazionale a Helsinki pubblicato sulla rivista Sleep.

L'esperta ha considerato 1.875 donne e 1.885 maschi cui ha fatto compilare una serie di questionari per stimarne la qualità, durata e i problemi eventuali del sonno. Poi attraverso il database ufficiale finlandese che registra le assenze sul lavoro ha calcolato quante assenze ciascuno aveva totalizzato ogni anno dal 2000 al 2008.

Confrontando i dati sulle assenze con il livello di qualità del sonno di ciascun volontario è emerso che coloro che dormono meglio e che riposano circa 7-8 ore a notte fanno in media 5-9 assenze in meno all'anno. Per esempio i maschi con problemi di insonnia si assentano mediamente 10 giorni l'anno per malattia contro i 5 dei coetanei senza disturbi del sonno.


ATS, 12.09.2014





Iscriviti alla
nostra newsletter

Ultimi news